Mihintale

Mihintale

A circa 10 chilometri da Anuradhapura, nel Triangolo Culturale, si erge a 300 metri d’altezza troviamo i ruderi del monastero.

mappa

È uno dei luoghi di pellegrinaggio dei buddisti dello Sri Lanka.

La leggenda dice che Mahinda Thero decise incontrare il re Devanampiyatissa su questa montagna e poi diffondere la parola di Buddha, impiantando così il buddismo nello Sri Lanka.

Non importa quale sia la tua fede, i bellissimi santuari, gli Stupa (dagobas), le grotte rocciose esaltate dalla meravigliosa cornice, rendono Mihintale indimenticabile. 

Mihintale

Sebbene il moderno Mihintale sia ancora principalmente un grande villaggio, il sito è esteso su scala, incantevole per l’ambiente, illuminante spiritualmente e immensamente significativo dal punto di vista culturale, è stato profondamente amato dai buddisti singalesi.

scalini

Si divide in varie terrazze, dove troveremo le rovine dell’ospedale, refettorio, Stupa e grotte.

In evidenza, l’imponente scalinata in granito del 1840 gradini, 

avvolta da dei meravigliosi frangipani.

Mihintale

Storia di Mihintale

Tutto cominciò nel quinto decennio del II secolo a.C. quando il Re Asoka tenne un grande consiglio nella sua capitale Pataliputra.

Le controversie sui punti del Dhamma furono risolte, i monaci corrotti furono espulsi dal sangha e fu presa la decisione di inviare monaci missionari nelle diverse regioni e anche oltre.

Mahinda, il figlio del Re Asoka, fu scelto per dirigere una missione nelle regioni meridionali.

Il monaco principesco e i suoi compagni lasciarono Pataliputra per Videsha dove rimasero per un po’, probabilmente nel grande monastero di Sanchi.

La leggenda dice che Mahinda volò da lì verso lo Sri Lanka, ma una tradizione antichissima dell’India meridionale attribuisce l’introduzione del buddismo a quella regione a Mahinda, quindi è probabile che fosse attivo lì da qualche tempo prima di andare in Sri Lanka.

In ogni caso, la missione probabilmente sbarcò a Gokanna (antica Trincomalee) e alla fine si fermò su una montagna appena fuori Anuradhapura.

Il Re Devanampiya Tissa insieme ad alcuni dei suoi cortigiani stavano cacciando sulla montagna quando improvvisamente videro gli sconosciuti vestiti di giallo, sorpreso dai monaci ma Mahinda lo rassicurò dicendo;

 ‘Oh grande Re, siamo monaci, discepoli del Re della Verità. Siamo venuti dall’India per compassione per te “.

Avendo messo a proprio agio il Re, Mahinda gli fece una serie di domande per mettere alla prova i suoi poteri di comprensione.

Superato questo test, Mahinda insegnò quindi al Re e al suo seguito il Dhamma.

Invitò i monaci a venire ad Anuradhapura il giorno successivo, il Re tornò in città per prepararsi al loro arrivo.

Il giorno seguente Mahinda predicò alla famiglia reale, ma la gente comune che ovviamente non aveva accesso al palazzo chiedeva a gran voce il nuovo insegnamento.

Grandi folle si radunarono nelle stalle degli elefanti e Mahinda insegnò loro il Dhamma(il modo di funzionare di tutte le cose).

Il nome originale di Mahintale era Missaka Pabbata, 

si chiamava Cetiyagiri (The Mountain of Stupas) e il suo nome attuale deriva ovviamente da Mahinda.

Quando Fa Hsien, pellegrino cinese, visitò Mihintale nell’inizio del V secolo d.C., incontrô 2000 monaci che vivevano sulla montagna.tempio di Ambasthala Dagaba

Almeno mille anni i monasteri di Mihintale furono affiliati agli Abhayagiri.

Per la maggior parte del tempo uno dei monaci che incontrò fu particolarmente venerato.

Un topo e un serpente condividevano la sua caverna con lui ma vivevano in armonia l’uno con l’altro perché erano influenzati dai grandi monaci Metta.

Mahinda trascorse i restanti anni della sua vita a Mihintale e vi morì nel 202 e dopo un grande funerale le sue ceneri furono custodite in stupa in tutto il paese, incluso uno su Mihintale stesso.

Il Re preparò 68 grotte sulla montagna.

Ciò è confermato da un’iscrizione su una delle grotte vicino allo Stupa di Kantaka che afferma che è stato preparato da chi è noto per essere stato uno dei fratelli del Re.

Mihintale 

È molto facile rispondere a questa domanda. Su tutte le nostre rotte in Sri Lanka abbiamo una visita speciale che ci distingue dalle altre agenzie di viaggio.

Crediamo fermamente nel fare un turismo equo e responsabile nello Sri Lanka. 

Per questo motivo, creiamo circuiti speciali in cui tu sei il protagonista e tutto ciò che facciamo per soddisfare i tuoi bisogni.

Siamo un’agenzia specializzata in Sri Lanka. 

Siamo qui nello Sri Lanka e qui mettiamo tutta la nostra energia affinché i viaggi allo Sri Lanka siano unici e irripetibili.

In cosa consistono i nostri circuiti dello Sri Lanka?

I nostri itinerari nello Sri Lanka sono progettati in modo da permetterti di conoscere questo paese durante le tue vacanze. 

Dal Triangolo Culturale e le montagne dal centro alla costa, senza dimenticare il magnifico Forte di Galle.

Se non sai cosa vedere in Sri Lanka, leggi i nostri circuiti classici.

Ora, se sei una persona irrequieta che ti piace scoprire, guarda nei nostri “itinerari eccezionali” per conoscere lo Sri Lanka al di fuori delle rotte convenzionali.

Lo Sri Lanka è infatti il luogo perfetto per i bambini e per le persone a cui piacciono gli animali e la natura. 

Questo paese è incredibilmente verde.

È impossibile non trovare mandrie di elefanti in safari o anche sulla stessa strada viaggiando.

È anche molto facile vedere leopardi, macachi e altri tipi di scimmie, scoiattoli giganti, sciacalli, ecc. eccetera

Inoltre, passeggiare con bambini e adulti attraverso il Giardino Botanico Peradeniya è una delizia. 

Insieme con gli alberi giganti e milioni di piante, troveremo anche scimmie e altri animali in questo immenso luogo.

Cosa consideriamo imprescindibile per conoscere lo Sri Lanka?

Se ti piacciono i monumenti, devi conoscere Anuradhapura, Polonnaruwa, Sigiriya, il Tempio d’oro di Dambulla e il Tempio del Dente in Kandy. 

Senza dimenticare altri meno importanti come Mihintale o i templi di Lankatilekka e Ambakke.

Se ti piace la natura, questo è il punto forte dello Sri Lanka. 

Non puoi perderti i safari nella riserva naturale di Yala, nel Minneriya National Park, nel Wilpattu National Park e nell’Uda Walawe. 

Oltre a Sinharaja e ai parchi marini di Pigeon Island National Park e Hikkaduwa.

Se ti piace il trekking o le escursioni puoi passeggiare nell’Horton National Park, a Haputale, a Nuwara Eliya, alle Knuckles e alle montagne del tè di Kandy.

Nel frattempo, coloro che amano le spiagge esotiche, piene di palme e alberi di cocco, offrono spiagge nell’ovest del paese come Bentota, Ambalangoda, Chilaw e Negambo. 

Puoi anche nuotare nell’Oceano Indiano nell’est del paese sulle spiagge di Trincomalee, Pasikudah, Nilaveli … 

Se ti piace fare surf puoi praticare a Arugam Bay, Weligama o Mirissa. 

E, naturalmente, abbiamo le spiagge del sud dello Sri Lanka come Tangalle, Unawatuna, Galle, Ahangama, ecc. eccetera

E se ti piacciono le città, abbiamo Jaffna, Galle Fort e Colombo dove puoi passeggiare e fare shopping tra i meravigliosi negozi e ristoranti.

In breve, abbiamo un paese con una grande varietà di climi, luoghi, culture, religioni, dove troveremo sempre sorridenti Cingalesi che ci aspettano a braccia aperte.

Venire allo Sri Lanka e non essere sorpreso è assolutamente impossibile.